Pensate che far canestro sia questione solo di giocatori NBA? Bhè, questi 5 giovani vi dimostrano che i canestri impossibili… li fanno loro! Una sfida all’ultimo tiro, che vede affiancati sport completamente diversi nel loro genere, ma con obiettivi, in questo caso, estremamente simili: dal semplice canestro, al bersaglio da colpire, alle H, ovvero le […]

Clicca
e seguici su Facebook!


10 canestri impossibili lontano da un campo di pallacanestro

marzo 29, 2014 12:00 PM
934
Views

Pensate che far canestro sia questione solo di giocatori NBA? Bhè, questi 5 giovani vi dimostrano che i canestri impossibili… li fanno loro!

Una sfida all’ultimo tiro, che vede affiancati sport completamente diversi nel loro genere, ma con obiettivi, in questo caso, estremamente simili: dal semplice canestro, al bersaglio da colpire, alle H, ovvero le tipiche porte del rugby.

Due ragazzi, grandi amici e affiatati avversari, si sfidano a suon di canestri e prodezze che hanno dell’incredibile. Basta poco: un frisbee, una palla da basket, una da rugby e una distanza assiderale dalla quale mirare l’obiettivo. Sembra un gioco da ragazzi, dal momento che i due fanno sembrare tutto così semplice e ordinario. Ma immaginate voi stessi, all’ultimo piano di un palazzo, di oltre trenta piani, a dover mirare un canestro posto al piano terra. Sarebbe tutta questione di forza e di fortuna. O la va o la spacca, come si dice nel gergo comune. Per questi ragazzi, invece, è tutta questione di precisione ed, evidentemente, di allenamento, per non parlare dell’orgoglio personale che si stanno giocando i due amici. Nessuno ha da rimproverarsi nulla, visti i pochi e rari errori.  Per gli amanti degli sport più classici, ecco un esempio alternativo di come allenarsi per la prossima stagione.

Il frisbee, gioco prediletto in particolare dagli amanti del mare, è un oggetto di forma rotonda con i bordi sollevati, utilizzato negli sport all’aria aperte e atto ad essere lanciato ad una lunga distanza. Il record attuale del lancio più lungo è di 250 metri.

Il basket, invece, è uno sport un po’ più complesso e articolato. È uno sport di squadra, in cui due formazioni si scontrano per segnare, con un pallone, nel canestro avversario, seguendo una serie di regole prefissare. Nasce a Springfield, nel Massachusetts, nel 1891, grazie all’idea geniale di James Naismith, medico ed insegnante di educazione fisica canadese.

Il rugby, infine, è il nome che viene utilizzato per identificare due sport di squadra leggermente diversi tra loro, nati nel Regno Unito a partire dalla fine del XIX secolo: il rugby a 15, disputato tra due squadre di quindici giocatori ciascuno; il rugby a 13, caratterizzato da tredici giocatori per squadra.