Non sapendo più ormai cosa inventare, e avendo già praticamente parodiato tutto, ecco che i nostri amici di Quei Bravi Ragazzi si inventano una simpatica parodia su com’è vissuto il mondo del calcio in italia. Il calcio, il nostro sport nazionale. Allo stadio, direte voi, o a casa a vedere una partita. Proprio così: la […]

Clicca
e seguici su Facebook!


QueiBraviRagazzi e il Calcio

maggio 7, 2014 1:24 PM
1,028
Views
Non sapendo più ormai cosa inventare, e avendo già praticamente parodiato tutto, ecco che i nostri amici di Quei Bravi Ragazzi si inventano una simpatica parodia su com’è vissuto il mondo del calcio in italia. Il calcio, il nostro sport nazionale.

Allo stadio, direte voi, o a casa a vedere una partita. Proprio così: la parodia riguarda in generale i tifosi ed è imitata a casa, mentre c’è una partita. La particolarità? Non una partita di seria, giocata da persone vere, quelli che prendono milioni di euro all’anno. No, ma a casa a giocare alla playstation. Maglie, tamburi, tifo, telecamere e telecronache: il resto tutto simulato alla playstation. Un modo carino per dire “basta agli eccessi”, visti anche i tristi eventi degli ultimi giorni. Quegli eccessi non sono dell’italiano tifoso, perchè il calcio è certamente il miglior stereotipo dell’italiano medio.

Tutti almeno una volta nella vita siamo andati allo stadio, oppure abbiamo visto soffrendo una partita di calcio in televisione. Chi non ha una squadra del cuore? Davanti ad una partita tutti, di proposito o inconsciamente, reagiamo esattamente come hanno fatto i nostri amici davanti a un goal o davanti a un palo preso. E’ nella nostra indole di italiani soffrire e tifare per un pallone che rotola e un portiere che para.

Bisogna solo stare attenti a non esagerare, perché è un attimo oltrepassare il confine del buon senso e finire nel caos e nella bolgia. Purtroppo abbiamo visto coi nostri occhi di recente, e non solo, a cosa possono portare gli eccessi. Cerchiamo allora di limitare la nostra passione per tifare a favore e non contro, esattamente come fanno in questa parodia i nostri cari amici di Quei Bravi Ragazzi.